Barbaresco D.O.C.G.

Bernadot

Comune: Treiso

Varietà: 100% Nebbiolo

Ettari: 4,84 ha

La godibilità

“Praticamente abbiamo debuttato in Ceretto assieme. Era il 2000, e usciva la prima vendemmia vinificata da noi di Bernadot, il 1997. Fu un’intuizione investire in questa vigna in una posizione straordinaria che lambisce il comune di Treiso, ma anche un azzardo per i 400 metri che potevano rappresentare un rischio per un’uva come il Nebbiolo. Il tempo ci ha dato ragione e già dalle prime annate questo Barbaresco ci ha mostrato tutta la sua avvolgente morbidezza.”
Roberta Ceretto

Nella parte alta di Treiso, a continuare virtualmente la fascia di vigne del Nervo, c’è il Bernadot. Da due decadi vinifichiamo le belle uve di questa collina, ottenendo vini ammiccanti, corredati da un’entusiasmante bevibilità.
Le viti poggiano su terreni che ricordano quelli di Serralunga, ma i vini che qui si ottengono hanno una diversa strategia espositiva: pur tenaci, non sono monolitici e mostrano la loro pienezza senza andare a legare al loro spirito quell’idea di tannica austerità che pare indissolubile compagna dei Barolo di quel versante.
Bernadot, infatti, è un Barbaresco che, pur mantenendo un’anima profondamente classica, soddisfa grazie alla dolcezza del naso, alla succulenza del sorso, e lo fa senza cedere il passo ad alcuna ridondanza.
Nel bicchiere è un’esplosione di frutti rossi, granatina ed iris: la bocca è golosa senza mostrar alcun eccesso di concentrazione. Bernadot è un inno alla bellezza varietale del Nebbiolo.